Nuovi nati, 2011, rete metallica, installazione dimensioni variabili, Forte Marghera, Venezia.

Parco del Contemporaneo, Forte Marghera 2011

Nuovi nati, 2011, rete metallica, installazione dimensioni variabili, Forte Marghera, Venezia
Nuovi nati, 2011, rete metallica, particolare
Senza Titolo, 2002, rete metallica, cm. 240x240, Forte Marghera, Venezia

PARCO DEL CONTEMPORANEO, Forte Marghera, 2011

EDGE PARK\ UN PERCORSO FRA ARTE, ARCHITETTURA E AMBIENTE

Una possibile descrizione di modelli di parco urbano, a questo si riferiscono i due termini parco e margine. Però il concetto di margine, di orlo, così come quello di area da proteggere e tutelare, rinviano ad un più ampio contesto che è quello di paesaggio. E cosa si possa intendere oggi con questo termine. Una esperta di geofilosofia come Luisa Bonesio parla della necessità di emanciparsi da un concetto di paesaggio legato alla sola bellezza della natura, ai luoghi da visita turistica, e considerare piuttosto l'idea che qualsiasi luogo possa essere paesaggio. Anche i luoghi residuali, possono essere dunque considerati tali. Gilles Clément ha visto proprio nella dimensione della residualità e dell'abbandono la possibilità che si venga costituendo un nuovo senso del paesaggio contemporaneo. La cui riconoscibilità non è data dalla sola percezione esterna, come se il paesaggio fosse sempre e solo ʻlà fuori', ma anche dalla comprensione di come la nostra visione interiore interagisca con la realtà delle cose, e come l'orlo fra ciò che viene percepito e ciò che viene sentito come paesaggio sia un orlo mobile, in trasformazione. Come ha scritto puntualmente John Berger riflettendo sulla pratica del disegnare: “Non sono più affatto certo di dove vada tracciata la linea di confine fra arte e natura”. EDGE PARK si configura come una proposta di percorso lungo l'incertezza di questa linea. Giancarlo Dell'Antonia, Bianco-Valente, Elisabetta Di Maggio, Vincenzo Casali, Tri.p Group + Giulia Filippi, Margherita Morgantin, Interno3, Manuela Sedmach, Antonio Scarponi, Marta Allegri, START UP, Antonio Guiotto, Nicola Genovese, Daniela Manzolli, Stefano Munarin + Maria Chiara Tosi, Emilio Fantin, Luigi Viola, Pavel Mrkus, Primoz Bizjak. 

Riccardo Caldura